Digital humanitarians represent the current generation of volunteers providing timely contributions in the form of digital map data in the aftermath of natural disasters. Starting from the tragic 2010 earthquake in Haiti and thanks to the success of the OpenStreetMap (OSM) project, the presence, connection and coordination of these volunteers have grown incredibly over the past years. This work investigates the dynamics of the mapping process and the nature of the OSM volunteers who contributed map data after the 2016 earthquake in Central Italy. The analyses show that the existing OSM users were the majority of those contributing to the mapping activity, with less edits performed by new users. The collaborative mapping process was efficiently coordinated through a dedicated platform and the area hit by the earthquake was significantly edited in OSM after the disaster.

I digital humanitarians rappresentano la nuova generazione di volontari capaci di fornire contributi tempestivi sottoforma di dati geografici all’indomani di disastri naturali. A partire dal tragico terremoto di Haiti nel 2010 e grazie al successo del progetto OpenStreetMap (OSM), la presenza e il coordinamento di questi volontari sono cresciuti incredibilmente negli ultimi anni. Il presente lavoro ha studiato le dinamiche del processo di mappatura e la natura dei volontari di OSM che hanno contribuito dati geografici dopo il terremoto nel Centro Italia del 2016. Le analisi mostrano che gli utenti OSM già esistenti prima dell’evento sono stati la maggioranza dei contributori, mentre quelli registrati al progetto dopo l’evento hanno contribuito in misura minore. Il processo di mappatura collaborativa è stato efficacemente coordinato attraverso una piattaforma dedicata e l’area colpita dal disastro è stata editata significativamente in OSM.

Minghini, M.; Sarretta, A.; Lupia, F.; Napolitano, M.; Palmas, A.; Delucchi, L. (2017). Collaborative mapping response to disasters through OpenStreetMap: the case of the 2016 Italian earthquake. GEAM. GEOINGEGNERIA AMBIENTALE E MINERARIA, 54 (2): 21-26. handle: http://hdl.handle.net/10449/41382

Collaborative mapping response to disasters through OpenStreetMap: the case of the 2016 Italian earthquake

Delucchi, L.
2017-01-01

Abstract

I digital humanitarians rappresentano la nuova generazione di volontari capaci di fornire contributi tempestivi sottoforma di dati geografici all’indomani di disastri naturali. A partire dal tragico terremoto di Haiti nel 2010 e grazie al successo del progetto OpenStreetMap (OSM), la presenza e il coordinamento di questi volontari sono cresciuti incredibilmente negli ultimi anni. Il presente lavoro ha studiato le dinamiche del processo di mappatura e la natura dei volontari di OSM che hanno contribuito dati geografici dopo il terremoto nel Centro Italia del 2016. Le analisi mostrano che gli utenti OSM già esistenti prima dell’evento sono stati la maggioranza dei contributori, mentre quelli registrati al progetto dopo l’evento hanno contribuito in misura minore. Il processo di mappatura collaborativa è stato efficacemente coordinato attraverso una piattaforma dedicata e l’area colpita dal disastro è stata editata significativamente in OSM.
Digital humanitarians represent the current generation of volunteers providing timely contributions in the form of digital map data in the aftermath of natural disasters. Starting from the tragic 2010 earthquake in Haiti and thanks to the success of the OpenStreetMap (OSM) project, the presence, connection and coordination of these volunteers have grown incredibly over the past years. This work investigates the dynamics of the mapping process and the nature of the OSM volunteers who contributed map data after the 2016 earthquake in Central Italy. The analyses show that the existing OSM users were the majority of those contributing to the mapping activity, with less edits performed by new users. The collaborative mapping process was efficiently coordinated through a dedicated platform and the area hit by the earthquake was significantly edited in OSM after the disaster.
Collaborative mapping
Disaster management
Earthquake
OpenStreetMap
Settore ICAR/06 - TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA
Minghini, M.; Sarretta, A.; Lupia, F.; Napolitano, M.; Palmas, A.; Delucchi, L. (2017). Collaborative mapping response to disasters through OpenStreetMap: the case of the 2016 Italian earthquake. GEAM. GEOINGEGNERIA AMBIENTALE E MINERARIA, 54 (2): 21-26. handle: http://hdl.handle.net/10449/41382
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2017 GEAM Delucchi.pdf

non disponibili

Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 3.21 MB
Formato Adobe PDF
3.21 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10449/41382
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 4
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 4
social impact